Home SPORT CALCIO Zaniolo: “La maglia numero 10 della Roma? Non l’accetterei mai”

Zaniolo: “La maglia numero 10 della Roma? Non l’accetterei mai”

Ultimo aggiornamento 15:32

Nel corso di un’intervista a Uefa.com Nicolò Zaniolo ha rilasciato una lunga intervista, in cui ha analizzato il suo momento e ripercorso la sua carriera, a partire dai suoi idoli: “I miei idoli calcistici sono sempre stati Kakà e Ronaldinho: a Kakà mi ispiro come modo di giocare e abbiamo più o meno la stessa posizione in campo, le sue qualità erano immense…Ronaldinho mi divertivo a vederlo giocare durante le partite, che guardavo soprattutto per lui!”.

“Che consiglio posso dare ai giovani? Il principale consiglio che posso dare è quello di non mollare mai e credere sempre nei propri sogni. Spesso si dice che se si chiude una porta, si apre un portone. Ma l’importante è non smettere mai di credere ai propri sogni e continuare finché non si riesce a realizzarli. Ma se non si riuscisse a realizzarli, la cosa più importante è aver dato tutto…”.

“L’esordio in Champions non lo dimenticherò mai”

“Se ricordo il mio esordio con la Roma? Me lo ricordo benissimo. La mattina il mister [Eusebio] Di Francesco mi chiamò e mi disse se ero pronto a giocare la partita contro il Real Madrid: incredulo, gli risposi “Certo, mister”. Ma ero ancora inconsapevole di quello cui stavo andando incontro. La riunione fu alle 11 di mattina, ma si giocò alle 21 e rimasi tutto il giorno a guardare il soffitto, dopo aver chiamato i miei genitori per chiedere conforto perché alla fine provavo comunque una grandissima emozione. Ma arrivato in campo non ho più fatto caso alle cose esterne, ho pensato solo a divertirmi e a giocare. Alla fine se ero lì l’allenatore aveva visto qualcosa in me e devo dire che non è andata così male”.

Quella sera non la dimenticherò mai per tutta la mia vita, le serate di UEFA Champions League – ma anche quelle di UEFA Europa League quest’anno – sono emozioni che non mi toglierò mai dalla testa! Ma devo essere bravo a non sedermi su quello e a continuare a farne altre, a giocare ancora bene per questa maglia per toglierci delle soddisfazioni tutti insieme. La Roma quest’anno è cambiata molto, ma penso sia cambiata in positivo perché siamo un gruppo giovane con al fianco giocatori più esperti e forti, che aiutano i più giovani. E’ il giusto mix per fare una grande annata. Ce ne sono tutti i presupposti, adesso tocca a noi giocare bene per risollevare la Roma e portarla nei posti in cui merita”.

Se accetterei la maglia numero 10 della Roma? No, non ci penserei neanche. Terrei la mia, è una forma di rispetto verso il capitano. Non proverei nemmeno a dire di sì. Penso questa possa essere la stagione in cui la Roma può tornare a vincere. Dipende tutto da noi, da come approcciamo le partite, da come ci alleniamo giorno dopo giorno. Le vittorie si costruiscono non in un giorno, ma in anni. Credo però che abbiamo tutto per poter dire la nostra, spetta soltanto a noi”, ha concluso Zaniolo.