15.500 piante per colorare lo spartitraffico della Colombo

    Ultimo aggiornamento 00:00

    Roma, con 15.500 piante decorative il Campidoglio colora lo spartitraffico della Cristoforo Colombo.
    Una buona notizia di ’colore’, ed è proprio il caso di dirlo, arriva dal Campidoglio, laddove si è deciso di portare una nota colorata allo spartitraffico della Cristoforo Colombo.
    Con la realizzazione della installazione di 15.500 piante decorative il Campidoglio colora lo spartitraffico della Cristoforo Colombo e, come dice Montanari, si restituisce alla città “il decoro che le è stato sottratto da anni di incuria”
     
    Terminata l’installazione del nuovo impianto di irrigazione tecnologico, lo spartitraffico centrale della via Cristoforo Colombo si colora con 15.500 fiori e piante, dalle Mura Aureliane per 5 chilometri verso il mare.

    L’assessorato alla Sostenibilità Ambientale ed il Servizio Giardini del dipartimento Tutela Ambientale stanno mettendo a dimora nelle fioriere poste sopra al new jersey centrale oltre 15mila piante decorative, in maggior parte perenni, ossia capaci di rimanere in fioriera per anni, e annuali da sostituire al cambio di stagione.

    In particolare, sono state selezionate delle piante mediterranee adatte al nostro clima come il rosmarino, la festuca e la lantana dai fiori colorati. Tra le stagionali è stato scelto il ciclamino che in primavera cederà il posto a begonie e surfinie.

    “Vogliamo trasformare la città in un giardino ed in un grande laboratorio del verde urbano scegliendo varietà resistenti e meno bisognose di cure. Stiamo lavorando per restituire alla città il decoro e la gradevolezza che le sono stati sottratti da anni di incuria. Parallelamente, lavoriamo ad un grande piano di forestazione perché oltre a prenderci cura del verde esistente vogliamo far crescere boschi urbani e polmoni verdi che non siano solo decorativi ma capaci di migliorare la qualità dell’aria che respiriamo”, dichiara l’Assessore alla Sostenibilità Ambientale Pinuccia Montanari.
    Una lodevole iniziativa, dunque, tra le diverse che comunque in questa fase l’amministrazione capitolina sta provando a portare avanti in un contesto, quello della viabilità, che non c’è da nascondere come uno dei più problematici da affrontare anche a livello quotidiano.