Home BENESSERE SALUTE Bere birra allontana la demenza: lo afferma uno studio

Bere birra allontana la demenza: lo afferma uno studio

Ultimo aggiornamento 10:11

Il luppolo della birra fa bene al cervello e può effettivamente migliorare la concentrazione e accelerare i processi di pensiero, secondo un nuovo studio scientifico.

La ricerca, che sarà musica per le orecchie degli amanti della birra, ha scoperto che il consumo di luppolo ha anche ridotto i livelli di stress e migliorato l’umore.

E forse sorprendentemente, coloro che hanno preso integratori contenenti estratti di luppolo amaro, hanno mostrato un migliore livello della memoria ed erano in grado di risolvere meglio i puzzle mentali.

Birra e memoria: il luppolo aiuta il processo del pensiero. Cosa dice lo studio giapponese

Lo studio di scienziati giapponesi suggerisce che l’acido trovato nel luppolo amaro e noto come MHBA, potrebbe essere usato per aiutare a combattere la demenza.

È stato riscontrato che dopo 12 settimane di assunzione del supplemento si è verificato un notevole miglioramento della funzione cognitiva dei partecipanti.

Gli scienziati della Facoltà di Medicina dell’Università di Juntendo e del Centro sanitario di Fukushima hanno condotto la ricerca su 100 persone sane di età compresa tra 45 e 69 anni che avevano dimostrato il declino cognitivo selettivo (SCD), definito come “peggioramento della perdita di memoria”.

Mentre ad alcuni sono stati somministrati placebo, ad altri è stata somministrata una dose giornaliera di MHBA. Tutti hanno effettuato una serie di test e valutazioni mentali all’inizio e di nuovo dopo 12 settimane, mentre campioni di saliva e sangue sono stati testati per analizzare l’effetto su ormoni e sostanze chimiche legate alla funzione cognitiva e allo stress, ad esempio.

Il rapporto afferma: “Abbiamo osservato una migliore attenzione e una riduzione dello stress dopo test neuropsicologici nei partecipanti che hanno ricevuto integratori di MHBA“.

Gli autori dello studio hanno concluso: “I risultati del presente studio hanno mostrato che l’integrazione con MHBA ha migliorato la velocità, l’attenzione e la concentrazione dell’elaborazione mentale e ha ridotto lo stress mentale dopo il lavoro intellettuale in adulti sani di età compresa tra 45 e 69 anni con declino cognitivo selettivo. In particolare, un intervento precoce attraverso l’integrazione di MHBA nelle persone con SCD potrebbe avere successo nel migliorare la funzione cognitiva.”

Gli scienziati hanno anche scoperto che l’MHBA sembrava migliorare il metabolismo energetico nei soggetti in sovrappeso. Lo studio è stato pubblicato nell’ultima edizione del Journal of Alzheimer’s Disease.