Home ATTUALITÀ PRIMO PIANO Coronavirus, controlli GdF per rincari gel e mascherine. Burioni: “Usate l’alcol”

Coronavirus, controlli GdF per rincari gel e mascherine. Burioni: “Usate l’alcol”

Ultimo aggiornamento 19:58

Oltre alla paura ora anche la beffa. Come molti sapranno infatti, specialmente nei luoghi interessati dal contagio, dai negozi sono improvvisamente spariti sia i flaconcini tascabili di Amuchina Gel, che la mascherine (tra l’altro non trattandosi di quelle specifiche ospedaliere, nemmeno servono a granché).

La procura di Milano ha aperto un’inchiesta

Una situazione surreale che a Milano ha indotto la Procura ad aprire un’inchiesta con l’ipotesi di reato di “manovre speculative su generi di prima necessità”. Questo perché, come dicevamo, alcuni dei prodotti maggiormente usati e ricercati – specialmente sul web – hanno subito dei rincari a dir poco esagerati. Gel e mascherine con i prezzi decuplicati. Ora, con sottobraccio un fascicolo a carico di ignoti, la Guardia di Finanza andrà a controllare fisicamente ciascun punto vendita…

Il virologo: “Gel alle stelle? Usate l’alcol, va benissimo”

Come dicevamo, nell’immaginario degli italiani in questo momento come deterrente al contagio chissà perché c’è soltanto il gel, ma non è così. Come spiega invece il virologo Roberto Burioni, “Se non trovate i gel antibatterici, non comprate quelli su Amazon a 400 euro, va bene anche l’alcol denaturato comune“. L’esperto ha deciso di affrontare questo tema dopo esser stato testimone dell’esagerato rincaro applicato a determinati prodotti. Piuttosto, raccomanda il virologo, “Lavatevi le mani. Spesso, anzi spessissimo. Va bene il sapone comune, non serve quello antibatterico. E se non trovate i gel, usate l’alcol normalissimo. Non ha buon odore, ma funziona“.

Al virus occorre almeno un metro per contagiare

Infine, tiene a sottolineare Burioni, “Niente isteria, questo virus si trasmette con i nostri rapporti sociali. Se avete programmato una riunione o una convention di colleghi, è meglio rimandarla. Evitate contatti stretti, il virus ha bisogno di una vicinanza di meno di un metro, quindi no ai luoghi affollati e, se usate i mezzi pubblici, lavatevi le mani immediatamente“.
Max