Elezioni di medio termine Usa: gli scenari mondiali

    Ultimo aggiornamento 00:00

    Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump manterrà molto del suo potere per plasmare la politica globale degli Stati Uniti anche se il suo partito repubblicano subirà una disfatta durante le elezioni di metà mandato di martedì. Come i presidenti prima di lui, Trump ha ampia autorità per agire unilateralmente su alcune delle questioni di cui l’Europa e altri paesi si preoccupano di più: politica estera, difesa e commercio. E Trump ha mostrato un’ampia interpretazione dell’autorità presidenziale e la volontà di aggirare un Congresso bloccato. “Il risultato dei midterms sarà sicuramente meno consequenziale per le relazioni transatlantiche di quanto molti europei immaginino”, ha scritto Ian Lesser, vice presidente della politica estera presso il think tank German Marshall Fund. Tuttavia, se i democratici prendono il controllo di una o entrambe le Camere del Congresso – gli ultimi sondaggi hanno i democratici che vincono l’Assemblea ei repubblicani che mantengono il controllo del Senato – metterebbero più resistenza su alcuni dei principali obiettivi politici internazionali di Trump. E la partenza prevista di alcuni alti funzionari dell’amministrazione Trump potrebbe avere effetti a lungo termine su come gli Stati Uniti gestiscono alcune questioni all’estero. Quindi, prima che gli americani vadano alle urne, ecco alcune cose che cambieranno – e non cambieranno – dopo le elezioni per gli alleati e gli avversari americani. Politica estera Anche se i democratici vinceranno entrambe le camere del Congresso, Trump avrà ancora un ampio potere sulla politica estera. Può ancora lasciare i trattati, negoziare accordi bilaterali e apportare modifiche significative alle priorità degli Stati Uniti all’estero, se lo desidera. Il Congresso non può costringere il presidente e i suoi assistenti a riempire i posti diplomatici vacanti che punteggiano il mondo, per esempio. E non può limitare la retorica di Trump sui paesi stranieri, le Nazioni Unite o la NATO. Tuttavia, l’ascesa di Trump allo Studio Ovale ha già incoraggiato il Congresso a esercitare i suoi poteri di politica estera in misura inusuale. Fu sotto il controllo repubblicano che il Congresso costrinse in modo schiacciante una vasta serie di sanzioni alla Russia senza una disposizione a favore di Trump che avrebbe permesso alla Casa Bianca di rinunciare a una qualsiasi delle sanzioni. Repubblicani e Democratici si sono uniti per garantire che il Dipartimento di Stato non fosse stato distrutto dal punto di vista finanziario come proposto da Trump. Se i democratici guadagnano terreno nei quarti di mezzo, il Congresso rischia di essere ancora più assertivo in queste aree. Tuttavia, al Senato, Trump ha la certezza di perdere uno dei suoi migliori fogli repubblicani: il senatore Bob Corker, il presidente della commissione per le relazioni estere del Senato, che va in pensione. Corker ha combattuto Trump su una serie di importanti fronti di politica estera negli ultimi due anni. Il repubblicano del Tennessee ha contribuito a far passare le pesanti sanzioni contro la Russia, nonostante la riluttanza di Trump a reprimere Mosca. Ha anche guidato l’accusa sulla prevenzione dei drastici tagli di bilancio che Trump ha proposto al Dipartimento di Stato.