Home ATTUALITÀ Nuovo Dpcm 16 gennaio, cosa cambia per i concorsi pubblici: la data...

    Nuovo Dpcm 16 gennaio, cosa cambia per i concorsi pubblici: la data di ripresa

    CONCORSO STRAORDINARIO DOCENTI ALL' ISTITUTO GIANNI RODARI DI ROMA CONCORSI SELEZIONE SELEZIONI INSEGNAMENTO INSEGNANTE INSEGNANTI DOCENTE POSTAZIONE POSTAZIONI CANDIDATO CANDIDATI SEGNALETICA ORIZZONTALE DISTANZA DI SICUREZZA DISTANZIAMENTO SOCIALE BANCO BANCHI AULA CLASSE COMPUTER PORTATILE PORTATILI PC LAPTOP

    Il premier Conte ha firmato il testo del nuovo Dpcm che entrerà in vigore a partire da domani, sabato 16 gennaio. Tra le misure introdotte la sospensione dei concorsi pubblici, che riprenderanno però a partire dal 15 febbraio in presenza, ma per un massimo di 30 persone per sessione. “E’ sospeso – si legge nel testo del Dpcm pubblicato dall’Adnkronos – lo svolgimento delle prove preselettive e scritte delle procedure concorsuali pubbliche e private e di quelle di abilitazione all’esercizio delle professioni, a esclusione dei casi in cui la valutazione dei candidati sia effettuata esclusivamente su basi curriculari ovvero in modalità telematica, nonché ad esclusione dei concorsi per il personale del servizio sanitario nazionale, ivi compresi, ove richiesti, gli esami di Stato e di abilitazione all’esercizio della professione di medico chirurgo e di quelli per il personale della protezione civile”.

    Si legge ancora: “A decorrere dal 15 febbraio 2021 sono consentite le prove selettive dei concorsi banditi dalle pubbliche amministrazioni nei casi in cui è prevista la partecipazione di un numero di candidati non superiore a trenta per ogni sessione o sede di prova, previa adozione di protocolli adottati dal Dipartimento della Funzione Pubblica e validati dal Comitato tecnico-scientifico di cui all’articolo 2 dell’ordinanza 3 febbraio 2020, n. 630, del Capo del Dipartimento della protezione civile. Resta ferma in ogni caso l’osservanza delle disposizioni di cui alla direttiva del Ministro per la pubblica amministrazione n. 1 del 25 febbraio 2020 e degli ulteriori aggiornamenti, nonché la possibilità per le commissioni di procedere alla correzione delle prove scritte con collegamento da remoto”.