Home ATTUALITÀ BREAKING NEWS “Oggi siamo diventati i dinosauri che combattevamo”, l’amara analisi di Corrao (M5s)

“Oggi siamo diventati i dinosauri che combattevamo”, l’amara analisi di Corrao (M5s)

Ultimo aggiornamento 18:11

Quella che all’inizio sembrava essere soltanto una ‘crepa’ all’interno del Movimento a 5 stelle, col tempo continua ad allargasi sempre più, al punto che, complice la più assoluta divergenza di vedute da parte delle diverse ‘correnti’ interne, ora rischia di compromettere anche i rapporti all’interno della stessa maggioranza e, in special modo, con ‘l’odiato’ Pd.

C’è voluta la ‘strigliata’ del ‘redivivo’ Alessandro Di Battista per scuotere le coscienze stellate e rimettere in moto così quel poco d’orgoglio rimasto, dopo il naufragio dell’ultima tornata elettorale.

Un’analisi cruda e realistica quella che Di Battista ha affidato ai media che, pena il rischio estinzione, ha di fatto creato i presupposti per suggerire al Movimento un deciso ed urgente cambio di rotta.

Corrao: “Dobbiamo ricordarci le vecchie regolate di qualche tempo fa”

E stamane è stato l’europarlamentare Ignazio Corrao (nella foto) a raccogliere subito l’analisi del ‘redivivo’, scrivendo dalla sua pagina Fb: “Oggi siamo (o stiamo diventando) gli stessi dinosauri che combattevamo, per questo dobbiamo ricordarci le vecchie regolette che ci tenevano a servizio dei cittadini per un periodo limitato di tempo”.

Corrao: Nessuno immaginava ad un M5s dai poteri decisionali presi in segreto

Quindi, con altrettanta onestà intellettuale, l’europarlamentare riconosce che “Nessuno di noi 10 anni fa sarebbe entrato in un partito in cui le decisioni più importanti, per il movimento e di conseguenza per il Governo e per il Paese, vengono prese in segreto da Di Maio, Fico, Bonafede o Spadafora (che è passato, per la cronaca, proprio dall’Udeur, poi Margherita, poi Verdi, poi Forza Italia e infine ha raggiunto la agognata gloria politica nel Movimento 5 Stelle ultima versione, per volontà di Di Maio che se lo è preso assistente, lo ha fatto deputato, sottosegretario e poi ministro)…”.

Affermazioni quelle di Corrao, che pesano come macigni e che promettono, non sappiamo entro quando, di contribuire ad una resa dei conti che si prospetta inevitabile…

Max