Tiburtina: Campidoglio, riaperta via Masaniello

    Ultimo aggiornamento 00:00

    Via Masaniello, la strada che collega via Tiburtina all’omonima stazione, è stata riaperta al traffico pedonale e a quello del trasporto pubblico.

    La strada era chiusa dal 2015, per motivi di sicurezza che hanno reso necessaria la manutenzione. I lavori, oltre al rifacimento del manto stradale, hanno riguardato interventi di ripristino del marciapiede, del sistema di smaltimento delle acque meteoriche, delle caditoie e delle condotte fognarie.

    A seguito delle dovute valutazioni, è stato deciso che via Masaniello sarà una preferenziale dedicata ai mezzi di trasporto pubblico, per consentire un migliore flusso verso il capolinea della stazione Tiburtina.

    Oggi riapriamo un’importante via di collegamento chiusa da circa tre anni, sulla quale siamo intervenuti subito per portare a termine un intervento complesso nel più breve tempo possibile. Tutti i cittadini diretti alla stazione Tiburtina con i mezzi pubblici raggiungeranno più facilmente lo scalo ferroviario, senza inutili perdite di tempo. La riorganizzazione della viabilità, con la creazione di questo collegamento preferenziale per il trasporto pubblico, certamente agevolerà la circolazione stradale in tutta l’area”, afferma la sindaca di Roma Virginia Raggi.

    “È un lavoro importante, la cui conclusione ci soddisfa perché d’ora in avanti sarà di nuovo possibile raggiungere la stazione Tiburtina con maggior facilità. La strada è stata risistemata, i marciapiedi sono stati rinnovati ed è stata destinata esclusivamente al trasporto pubblico. Ringrazio il Dipartimento SIMU e gli altri enti e Dipartimenti coinvolti”, dichiara l’Assessora alle Infrastrutture Margherita Gatta.

    “La strada sarà completamente preferenziale a al servizio del trasporto pubblico locale: questo garantirà meno ingorghi e la diminuzione del tempo di percorrenza per gli autobus in partenza e in arrivo alla stazione Tiburtina”, aggiunge l’assessore alla Città in Movimento di Roma Capitale Linda Meleo.