Home POLITICA ESTERI Vaticano, incontro Mike Pompeo e Pietro Parolin. La replica di Pechino: “Metta...

Vaticano, incontro Mike Pompeo e Pietro Parolin. La replica di Pechino: “Metta fine al suo show”

Ultimo aggiornamento 15:20
Italy's Prime Minister Giuseppe Conte (R) greets US Secretary of State Mike Pompeo upon his arrival for their meeting on October 1, 2019 at Palazzo Chigi in Rome, at the start of Pompeo's four-nation tour of Europe. (Photo by Alberto PIZZOLI / AFP)

Il segretario di Stato Usa, Mike Pompeo, dopo il simposio per la libertà religiosa di ieri, si è incontrato in Vaticano con il suo omologo della Santa Sede, Pietro Parolin, cardinale segretario di Stato. Il colloquio è durato 45 minuti e si è svolto “in un clima di rispetto, disteso e cordiale” – ha detto il portavoce Vaticano Matteo Bruni – “in cui le parti hanno presentato le rispettive posizioni riguardo ai rapporti con la Cina”. Durante l’incontro i due segretari hanno parlato inoltre della situazione di alcune zone di guerra, quali Caucaso, Medio Oriente e Mediterraneo Orientale.

La replica della Cina

Mentre nel simposio di ieri Pompeo è tornato ad accusare la Cina, la risposta di Pechino non si è fatta attendere: “Ci auguriamo che il gracchiante Pompeo – ha detto il portavoce dell’ambasciata cinese a Roma – metta fine al suo show il prima possibile“. “Pompeo attacca senza motivo la politica interna della Cina e tenta a destabilizzare i rapporti Italia/Cina – ha proseguito – Atteggiamenti che condanniamo con forza. Il signor Pompeo, le cui affermazioni traboccano di ignoranza e pregiudizi sul nostro Paese, calunnia la Cina con la scusa della tutela dei diritti umani, della libertà religiosa e della cyber security. Il portavoce ha poi sottolineato che giudicare se la situazione dei diritti in Cina spetta solo al popolo cinese e “non a un qualunque politico straniero”.

Mario Bonito