Home ATTUALITÀ Lazio in zona gialla? No se cambiano le regole: le decisioni del...

    Lazio in zona gialla? No se cambiano le regole: le decisioni del governo

    EMERGENZA CORONAVIRUS CORONA VIRUS COVID19 COVID 19 FASE 2 DUE RIPARTENZA RIAPERTURE RIAPERTURA RITORNO RITORNI NELLA CITTA' DI RESIDENZA PARTENZA PARTENZE DALLA STAZIONE CENTRALE DI MILANO

    Lazio in zona gialla? Sì, se le regole rimangono invariate. No invece se, come è probabile, il governo deciderà nuovi criteri per l’assegnazione dei colori alle regioni italiane. La decisione arriverà oggi, al massimo domani, quando si riunirà il Consiglio dei ministri. Le idee sul piatto sono diverse: dallo stato di emergenza che dovrebbe essere prorogato fino al 31 dicembre fino ai nuovi paramenti per l’assegnazione delle fasce di rischio.

    Con i parametri attuali, infatti, il Lazio da lunedì entrerebbe quasi sicuramente in zona gialla. Questo perché ad oggi la discriminante per il cambio colore è il tasso di incidenza, che nel Lazio ha già superato quota 50. Il nuovo piano del governo, appoggiato dalla cabina di regia, prevede invece che il criterio principale per la ‘colorazione’ sia il tasso di occupazione dei posti in ospedale e in terapia intensiva.

    La soglia massima delle terapie intensive dovrebbe essere fissata al 5%, nel Lazio è ferma al 3%. Questo dovrebbe scongiurare l’entrata in zona gialla, così come per molte altre regioni che stanno registrando un’impennata di casi.

    Da discutere anche il Green pass: dovrebbe essere disponibile anche per chi ha fatto una sola dose di vaccino, ma solo chi ha effettuato il ciclo completo dovrebbe avere accesso a determinati luoghi. Come i ristoranti al chiuso o gli ambienti particolarmente affollati come cerimonie e fiere. E’ questo il nodo più complicato da sciogliere.