Home ATTUALITÀ Quando pagano le pensioni di giugno: pagamenti Inps in anticipo, ecco le...

Quando pagano le pensioni di giugno: pagamenti Inps in anticipo, ecco le date

Ultimo aggiornamento 07:22

Quando pagano le pensioni di giugno? Come nei mesi precedenti, durante l’emergenza coronavirus è stato stilato un calendario dei pagamenti in anticipo delle pensioni per ridurre gli assembramenti presso le banche e gli uffici postali.

L’Inps ha comunicato quando verranno pagate le pensioni di giugno. Inoltre ha ricordato che online è presente il servizio per verificare l’importo di ogni mese e il calendario dei pagamenti.

Vediamo allora per questo mese, quello di giugno 2020, quando sarà pagata la pensione, e come saranno divisi i beneficiari in base alle date dal 27 maggio al 1 giugno.

Quando arriva la pensione: pagamenti anticipati di questo mese dal 27 maggio al 1 giugno, tutte le date per prendere la pensione

L’ordinanza del Consiglio dei Ministri numero 652 del 19 marzo 2020 ha stabilito che le pensioni del mese di giugno 2020 saranno pagate a scaglioni, dal 27 maggio 2020 al 1 giugno 2020, per ordine alfabetico.

Ecco il calendario dei pagamenti pensione di giugno:

– il giorno mercoledì 27 maggio si paga la pensione per i cognomi dalla A alla B;

giovedì 28 maggio i cognomi dalla C alla D;

– il giorno dopo, venerdì 29 maggio, si pagano i pensionati dalla E alla K;

– il 30 maggio (ma solo di mattina, perché è sabato) si paga la pensione ai cognomi dalla L alla P;

– infine, lunedì 1° giugno si concludono i pagamenti per i cognomi dalla Q alla Z.

Anche per il mese di giugno 2020, ci sarà la convenzione fra Poste Italiane e l’Arma dei Carabinieri. Questo consentirà di consegnare a casa l’assegno per i pensionati di età maggiore di 75 anni che ne faranno richiesta.

Per quanto riguarda le pensioni di invalidità, anche in questo caso il pagamento sarà anticipato in ordine alfabetico. Siccome durante l’emergenza sanitaria sono sospese le visite di conferma, l’anticipo può essere revocato in seguito, nel caso in cui il medico legale non confermasse l’invalidità.