Home BENESSERE Coronavirus, i bambini sono “super-diffusori silenziosi” dicono gli scienziati

Coronavirus, i bambini sono “super-diffusori silenziosi” dicono gli scienziati

Ultimo aggiornamento 10:51

I bambini sono “super-diffusori silenziosi” di Covid-19, secondo una nuova ricerca.

Possono trasportare quantità maggiori di virus rispetto agli adulti ricoverati in ospedale, ma non mostrano sintomi, affermano gli scienziati. Questo li rende particolarmente contagiosi per i membri della famiglia, come nonne e nonni vulnerabili.

I risultati si basano su campioni di naso, gola e sangue di quasi 200 giovani pazienti pediatrici negli Stati Uniti. Suggeriscono che i casi potrebbero aumentare in molte comunità quando le scuole riapriranno il mese prossimo.

I bambini possono trasportare quantità maggiori di virus rispetto agli adulti: a rischio riapertura scuole

L’autore principale, il dottor Lael Yonker, del Massachusetts General Hospital, ha dichiarato: “Sono rimasto sorpreso dagli alti livelli di virus che abbiamo riscontrato nei bambini di tutte le età, specialmente nei primi due giorni di infezione. Non mi aspettavo che la carica virale fosse così alta. Pensi a un ospedale, e a tutte le precauzioni prese per curare adulti gravemente malati. Ma la carica virale di questi pazienti ospedalizzati è significativamente inferiore a quella di un ‘bambino sano’ che sta camminando con un’alta carica virale SARS-CoV-2″.

Anche quando i bambini mostrano sintomi come febbre, naso che cola e tosse, spesso si sovrappongono all’influenza e al comune raffreddore. Ciò confonde una diagnosi accurata di Covid-19, la malattia derivata dal coronavirus SARS-CoV-2.

Lo studio pubblicato sul Journal of Pediatrics mostra che i bambini stanno giocando un ruolo maggiore nella pandemia di quanto si temesse. È il più completo nel suo genere fino ad oggi e coinvolge 192 neonati, bambini, adolescenti e giovani adulti fino all’età di 22 anni.

Complessivamente, più di un quarto (49) sono risultati positivi per SARS-CoV-2 e altri 18 hanno avuto una malattia correlata a Covid-19 ad esordio tardivo.

In modo preoccupante, la diffusione o la trasmissibilità di un virus aumenta di pari passo con la quantità che un individuo sta trasportando.

Lo studio ha anche esaminato le risposte anticorpali nei bambini sani e in quelli con Covid-19 o disturbi d’organo collegati chiamati Sindrome Infiammatoria Multisistemica (MIS-C).

Ha implicazioni per la riapertura di scuole, asili nido e altri luoghi con un numero elevato di bambini e una stretta interazione con insegnanti e personale.