Home ATTUALITÀ BREAKING NEWS Dpcm: multe salate per chi non usa la mascherina. Tamponi obbligatori da...

Dpcm: multe salate per chi non usa la mascherina. Tamponi obbligatori da Gb, Olanda e Belgio

Ultimo aggiornamento 20:36
EMERGENZA CORONAVIRUS CORONA VIRUS COVID19 COVID 19 LAVORATORE LAVORATORI PERSONA AL LAVORO CON MASCHERINA PROTETTIVA FARMACIA FARMACISTA A PERUGIA IN ITALIA ITALIANA

Come preannunciato nel pomeriggio, l’atteso Cdm di stasera è stato rinviato a domani mattina alle 11 ma, protagonista della discussione sarà non il nuovo Dpcm (rimandato perché  “Non è ancora deciso”), ma lo stato d’emergenza da prorogare, in quanto l’appuntamento di oggi è slittato in quanto alla Camera è mancato il numero legale sulla risoluzione di maggioranza, in merito alle comunicazioni del ministro della Salute, Roberto Speranza.

Tuttavia, tra le novità che andranno a compre il Dpcm allo studio, l’aumento della sanzione per chi non indossa la mascherina, che passerà da 400 a 1000 euro.

Riguardo la mascherina, aumento della sanzione a parte, sarà obbligo indossarla sempre: sia all’aperto che al chiuso.

Le uniche eccezioni sono rappresentate da chi pratica attività motoria (ma rispettando il distanziamento di almeno due metri), per chi viaggia in moto o in bicicletta e, ovviamente, in auto da soli o con i congiunti.

Ma non mancheranno multe salate (da 400 a 1000 euro), anche per quei locali che non faranno rispettare l’obbligo delle mascherine: in alcuni casi non è infatti esclusa anche una sanzione amministrativa accessoria della chiusura dell’esercizio o dell’attività da 5 a 30 giorni.

Infine, altre sanzioni (sempre da 400 a 1.000 euro), per quanti non rispetteranno l’obbligo della quarantena.

Peggio poi per chi, contagiato dal coronavirus, non rispetta le restrizioni: oltre che la sanzione penale (500 a 5.000 euro), rischia infatti l’arresto da 3 a 18 mesi, per il reato di epidemia colposa.

Ecco poi i tamponi obbligatori per quanti rientra in Italia provenendo da Gran Bretagna, Olanda, Belgio e Repubblica Ceca, che vanno così ad aggiungersi alla precedente lista composta  da Croazia, Grecia, Malta, Spagna e, nello specifico, anche da Parigi ed altre sette regioni francesi. della Francia.

Max