Facebook blocca 30 mila account

    Ultimo aggiornamento 00:00

    Facebook ha detto che ha bloccato circa 30 account sulla sua piattaforma e altri 85 su Instagram dopo che la polizia ha avvertito che potrebbero essere collegati a “entità straniere” che tentano di interferire nelle elezioni di midterm statunitensi. L’annuncio è arrivato poco dopo che le forze dell’ordine e le agenzie di intelligence degli Stati Uniti hanno detto che gli americani dovrebbero essere cauti nei confronti dei tentativi russi di diffondere notizie false. Uno studio pubblicato la scorsa settimana ha rivelato che la disinformazione sui social media si stava diffondendo a un tasso maggiore rispetto alla vigilia del voto presidenziale del 2016, che la Russia è accusata di manipolare attraverso una vasta campagna di propaganda a favore di Donald Trump, l’eventuale vincitore. “Domenica sera, le forze dell’ordine statunitensi ci hanno contattato sulle attività online che hanno scoperto di recente e che ritengono possano essere collegate a entità straniere”, ha detto in un post sul blog Nathaniel Gleicher, responsabile della sicurezza informatica di Facebook. “Abbiamo bloccato immediatamente questi account e ora li stiamo esaminando in modo più dettagliato.” Finora l’indagine ha identificato circa 30 account Facebook e 85 account Instagram che sembravano essere coinvolti in “comportamenti inautentici coordinati”, ha affermato Gleicher. Ha aggiunto che tutte le pagine di Facebook associate agli account sembravano essere in francese o in russo. Gli account di Instagram erano per lo più in inglese, con alcuni “focalizzati sulle celebrità, altri dibattiti politici”. “In genere, saremmo più avanti con la nostra analisi prima di annunciare qualsiasi cosa pubblicamente”, ha detto Gleicher. “Ma dato che siamo solo ad un giorno di distanza da importanti elezioni negli Stati Uniti, volevamo far conoscere alle persone l’azione che abbiamo intrapreso e i fatti così come li conosciamo oggi”. Nonostante una aggressiva repressione da parte delle aziende di social media, la cosiddetta “junk news” si sta diffondendo ad un tasso maggiore rispetto ai social media 2016 rispetto alle elezioni al Congresso degli Stati Uniti di martedì, hanno detto i ricercatori di Oxford Internet Institute in uno studio pubblicato giovedì. Twitter ha detto sabato che è stata cancellata una “serie di account” che hanno tentato di condividere la disinformazione.