Home ATTUALITÀ BREAKING NEWS Mattarella: dal Covid (“Libertà non è far ammalare gli altri”), alla scuola...

Mattarella: dal Covid (“Libertà non è far ammalare gli altri”), alla scuola (“Obiettivo primario”)

Ultimo aggiornamento 14:23

“Il pericolo del coronavirus è ancora attuale, come in Italia e nel mondo dimostrano il numero dei morti e dei contagi”. Così stamane il Presidente Mattarella, nel corso dell’annuale ‘cerimonia del Ventaglio’.

Nel corso del suo intervento il Capo dello Stato ha quindi esortato tutti a non abbassare la guardia, anche perché “Non possiamo e non dobbiamo dimenticare, quanto accaduto durante la pandemia per rispetto dei morti, di chi si è prodigato per curarli, per rispetto dei sacrifici dei nostri concittadini”.

Mattarella: “Libertà non è far ammalare gli altri”

Quindi il Presidente ha tenuto a sottolineare che “Talvolta viene evocato il tema della violazione delle regole di cautela sanitaria come espressione di libertà. Non vi sono valori che si collochino al centro della democrazia come la libertà. Naturalmente – ha quindi rimarcato il Presidente – occorre tener conto anche del dovere di equilibrio con il valore della vita, evitando di confondere la libertà con il diritto di far ammalare altri”.

Mattarella: “Covid: restare attenti aspettando il vaccino”

Il Presidente ha quindi tenuto a precisare che “Imparare a convivere con il virus finché non vi sarà un vaccino risolutivo non vuol dire comportarsi come se il virus fosse scomparso. Soltanto ricordando quel che è avvenuto – e senza dividerci in contrapposizioni pregiudiziali ma con una comune ricerca di prospettive – possiamo porre basi solide per la necessaria ripresa e per pervenire a una nuova normalità”.

Mattarella: “Il Covid ed il senso di responsabilità dei media”

Poi il Capo dello Stato è intervenuto anche sul mondo dei media, e dell’informazione che, ha sottolineato, “è stato interpellato dal virus e, nonostante le obiettive difficoltà vissute dal settore e dai singoli giornalisti, ha dato prova di saper essere al servizio dell’interesse generale e dei cittadini. L’avere posto al centro i fatti, l’approfondimento scientifico, la ricostruzione del fenomeno, il contributo fornito all’educazione ed al senso di responsabilità dei cittadini, hanno consentito ai media di svolgere un ruolo di grande rilievo nel contrastare la pandemia“.

Mattarella: “E’ tornata la fiducia nel giornalismo serio”

Del resto, ha aggiunto Mattarella, ”I dati degli ascolti televisivi, dei contatti web, della diffusione dei quotidiani in quei terribili mesi, testimoniano una ripresa di fiducia e di attenzione nei confronti dei media professionali. Una opportunità, forse inattesa, che rilancia il ruolo del giornalismo, opposto alle fabbriche della cattiva informazione, di quelle che siamo abituati ormai a definire fake news, notizie contraffatte, per esprimersi in italiano. In questa occasione l’informazione professionale, di qualità, è stata, evidentemente, riconosciuta dai nostri concittadini come capace di poter garantire una affidabilità non attribuibile ad altri ambiti”.

Mattarella: “Ritorno a scuola un obiettivo primario”

Altro tema caro al Presidente, la scuola: “I nostri ragazzi hanno patito un anno scolastico che non ha potuto offrire loro appieno la formazione promessa, il virus ha inciso sullo svolgimento regolare di lezioni e di esami. Il sistema Italia non può permettersi di dissipare altre energie, di rischiare di trascurare i talenti dei nostri ragazzi”. Dunque, ha continuato, la riapertura regolare delle scuole costituisce un obiettivo primario da perseguire in un clima che auspico di collaborazione e di condivisione”.

Mattarella: “Le misure Ue hanno un significato storico”

Infine, riguardo le misure europee, per Mattarella “le iniziative, la quantità di risorse ma, soprattutto, la qualità e le formule profondamente innovative messe in campo dalle principali istituzioni comunitarie – dalla Commissione alla Banca centrale, alla Bei, sollecitate dal Parlamento europeo, le scelte del Consiglio europeo – hanno una portata straordinaria e manifestano un’ambizione di significato storico. Adesso, in questo ambito, noi italiani siamo chiamati – istituzioni e società – a fare la nostra parte per utilizzare le grandi opportunità presentate. Nell’ambito di un programma, tempestivo, concreto ed efficace, di rilancio e di innovazione: per fronteggiare e recuperare le conseguenze profondamente negative della pandemia sul piano economico e sociale e per avviare e sviluppare un consistente processo di crescita del nostro Paese“.

Max