Home CRONACA CRONACA ITALIANA Roma, sit-in in via Molise per Riccardo. “Chiediamo che il licenziamento sia...

Roma, sit-in in via Molise per Riccardo. “Chiediamo che il licenziamento sia annullato”

Questa mattina in via Molise è stato organizzato un sit-in in solidarietà di Riccardo Cristello, ricevuto poi dal ministro Orlando

Questa mattina in via Molise è stato organizzato un sit-in in solidarietà di Riccardo Cristello. Una delegazione dell’Unione Sindacale di Base era in presidio permanente al Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali in via Molise per chiedere al ministro Orlando di fornire spiegazioni sul licenziamento di Riccardo, che era anche lui tra i presenti.

L’operaio tarantino di ArcelorMittal, Riccardo Cristello, è stato licenziato a seguito della condivisone su Facebook di un post in cui invitava a guardare la fiction “Svegliati amore mio”.
La miniserie con Sabrina Ferilli racconta come la vita di una madre cambia improvvisamente dopo che la figlia si ammala di leucemia, malattia causata dalle polveri sottili di un’acciaieria, la Ghisal.

La trama della fiction presenta molte analogie con i problemi vissuti dalla città pugliese. “Quello di Riccardo non è un caso isolato”, come spiega Francesco Rizzo, rappresentante di USB. Di fatto il licenziamento è stato giustificato dal fatto che, secondo i dirigenti, il post conteneva frasi offensive e denigratorie nei confronti dell’azienda. L’operaio non ha mai potuto chiarire la sua posizione, anche se questi chiarimenti sono stati da lui avanzati più volte. Si parla di un altro dipendente che invece ha ottenuto nuovamente il posto di lavoro, porgendo delle scuse pubbliche nei confronti dell’azienda, dopo una sospensione per lo stesso motivo di Riccardo.

Appena saputo della vicenda, anche i registi Simona Izzo e Ricky Tognazzi si sono subito mobilitati. L’attrice, Sabrina Ferilli, protagonista della fiction, ha personalmente contattato il dipendente offrendogli il sostegno sia economico che morale per affrontare la vicenda.

Chiediamo che il licenziamento sia annullato. Chiediamo che il governo si assuma le sue responsabilità”. A parlare è Guido Lutrario, rappresentante di USB, che esprime la sua vicinanza ai tanti casi come quello di Riccardo.

Il ministro del lavoro Andrea Orlando ha ricevuto la delegazione, la quale ha espressamente chiesto di annullare immediatamente il licenziamento di Riccardo Cristello e di aprire un tavolo per la sicurezza dei lavoratori. Questa non è una questione solamente legata al licenziamento, ma attorno alla vicenda ci sono tanti aspetti che vanno chiariti e discussi. Non si tratta di un compromesso o di una scelta tra il lavorare e la salute. Quello che si chiede è anche una manutenzione degna e una sicurezza sul lavoro che solamente l’azienda può offrire.

Silvia Corsi