Home ATTUALITÀ 5g causa il coronavirus: YouTube vieta tutti i video della teoria della...

5g causa il coronavirus: YouTube vieta tutti i video della teoria della cospirazione

Ultimo aggiornamento 08:35
5G

È una delle piattaforme video più popolari al mondo e ora YouTube ha deciso di vietare tutti i video della teoria della cospirazione che affermano erroneamente che il 5G causa il coronavirus.

Nonostante non abbia assolutamente alcuna scienza a sostegno, la teoria della cospirazione ha guadagnato popolarità durante la scorsa settimana, con diverse celebrità che hanno persino sostenuto le affermazioni.

YouTube ospitava molti video sulla teoria della cospirazione,ma ha deciso di vietare quelli che collegano il coronavirus al 5G.

Youtube elimina i video su 5g che causa il coronavirus: la decisione per non diffondere fake news

Un portavoce di YouTube ha risposto: “Abbiamo chiare politiche che vietano i video che promuovono metodi non comprovati dal punto di vista medico per prevenire il coronavirus al posto della ricerca di cure mediche e rimuoviamo rapidamente i video che violano queste politiche quando segnalati a noi.”

“Ora – ha spiegato – qualsiasi contenuto che contesta l’esistenza o la trasmissione di Covid-19, come descritto dall’OMS e dalle autorità sanitarie locali, viola le norme di YouTube. Ciò include le teorie della cospirazione che affermano che i sintomi sono causati dal 5G.”

“Per i contenuti borderline che potrebbero disinformare gli utenti in modi dannosi, riduciamo le raccomandazioni. Continueremo a valutare l’impatto di questi video sulle community di tutto il mondo.”

La notizia arriva poco dopo che diversi fornitori di servizi hanno scritto una lettera aperta, sollecitando il pubblico a smettere di vandalizzare gli alberi 5G.

La lettera recitava: “Non esistono prove scientifiche di alcun legame tra 5G e coronavirus. Non solo queste affermazioni sono prive di fondamento, ma sono dannose per le persone e le aziende che si affidano alla continuità dei nostri servizi. Hanno in alcuni casi  impedito la manutenzione essenziale della rete.”