Home ATTUALITÀ Coronavirus, gli Usa aprono a supporto per la Corea del Nord

Coronavirus, gli Usa aprono a supporto per la Corea del Nord

Ultimo aggiornamento 18:19

Gli Stati Uniti hanno affermato che approverebbero l’assistenza umanitaria alla Corea del Nord per supportare le agenzie di aiuti internazionali a combattere il coronavirus lì, nel timore che il paese impoverito possa nascondere un focolaio.

La Corea del Nord non ha segnalato alcun caso del nuovo coronavirus. Ma la scorsa settimana, alcuni notiziari sudcoreani, citando fonti anonime all’interno del nord, hanno affermato che c’erano stati sospetti di morte legati al virus. La Corea del Nord condivide un confine di 930 miglia con la Cina, dove è emerso il coronavirus. Da allora si è diffuso in numerosi paesi; sono state segnalate oltre 1.300 morti, quasi tutte in Cina.

La Corea del Nord ha adottato misure aggressive per tenere fuori il virus, inclusa la sospensione di tutti i voli e treni da e verso la Cina. Ma il confine è stato a lungo poroso per i trafficanti, che traghettano merci attraverso la frontiera fluviale poco profonda che separa i due paesi.

Il sistema sanitario pubblico della Corea del Nord è disfunzionale e le restrizioni ai viaggi hanno reso più difficile per il Nord acquistare o contrabbandare medicine, merci o altre forniture dalla Cina. Le organizzazioni umanitarie si sono lamentate del fatto che le sanzioni internazionali a guida americana contro il Nord, imposte a causa del suo programma di armi nucleari, hanno impedito loro di fornire rapidamente aiuti.

“Gli Stati Uniti sono profondamente preoccupati per la vulnerabilità del popolo nordcoreano a un focolaio di coronavirus”, ha dichiarato Morgan Ortagus, portavoce del Dipartimento di Stato. Ha aggiunto che Washington ha incoraggiato i gruppi di aiuti americani e internazionali a “contrastare e contenere la diffusione del coronavirus” nel Nord. “Gli Stati Uniti sono pronti a facilitare rapidamente l’approvazione dell’assistenza da parte di queste organizzazioni”, ha affermato.