E’ morto Bernardo Bertolucci, il regista aveva 77 anni

    Ultimo aggiornamento 00:00

    Bernardo Bertolucci si è spento nella sua casa di Via della Lungara, nel quartiere di Trastevere a Roma, in seguito a una crisi respiratoria. Il padre di pellicole pluripremiate come Novecento, Ultimo tango a Parigi, Il té nel deserto, Piccolo Buddha e L’ultimo imperatore, film da nove Oscar, è morto all’età di 77 anni dopo una lunga malattia. Secondo le prime informazioni, l’ultimo saluto al celebre regista dovrebbe avvenire in una cerimonia privata, anche se non si esclude un tributo al Campidoglio.

    Nato a Parma il 16 marzo 1941, è stato uno dei registi italiani più rappresentativi e conosciuti a livello internazionale. Decisivo per la sua carriera un’amicizia, quella con Pier Paolo Pasolini, presentato a lui da suo padre quando il regista diventò loro vicino di casa. Nel 1972 il clamoroso successo di Ultimo tango a Parigi, con Marlon Brando e Maria Schneider in un film che ha fatto la storia del grande schermo. L’entusiasmo del pubblico fece da contraltare alle polemiche, con Bertolucci condannato a 4 mesi per oscenità, ma allo stesso tempo premiato con un Nastro d’Argento e una candidatura all’Oscar come miglior regista.

    La sua popolarità già incredibile divenne mondiale con Novecento, film con un cast stellare, da Robert De Niro a Burt Lancaster, da Stefania Sandrelli a Gérard Depardieu, mentre negli anni ’80 è il momento dell’apice con il kolossal L’ultimo imperatore (1987), premiato con nove Oscar, fra cui quelle per la migliore sceneggiatura non originale e quella per il miglior regista, senza dimenticare il ricco bottino fatto di BAFTA, César, David di Donatello, Golden Globe, European Award e Nastri d’Argento.

    Negli anni arriveranno per Bertolucci altri grandi film come il Té nel deserto, Piccolo Buddha, Io Ballo da Sola, The Dreamers. Nel 2007 ha ricevuto il Leone d’oro alla carriera alla 64a Mostra del cinema di Venezia e nel 2011 la Palma d’onore al 64 ° Festival di Cannes.