Parte Fabbrica Roma, il festival nato per raccontare l’Altra Roma

    Ultimo aggiornamento 00:00

    Fabbrica Roma è un festival nato per raccontare l’Altro Roma, un luogo in cui invertire il percorso del racconto dedicato alla città. È un evento dedicato alla bellezza e alle energie socialmente utili, vitali, capaci e creative e alla vivacità civica, culturale, sociale e imprenditoriale in cui vive la nostra città ed è tempo di riconoscere e valorizzare. Un posto dove puoi guardare fuori e trovare un’attività disponibile per la città, con generosità e coraggio.

    Fabbrica Roma è, quindi, anche un percorso di valorizzazione e riscoperta dei luoghi, della storia e della rinascita dei valori fondanti della città, una città capace di affrontare le sfide del suo tempo.

    L’evento è realizzato grazie alla collaborazione di numerosi soggetti: associazioni, realtà formali e informali attive nel settore culturale e sociale, figure del mondo della cultura e promozione dei diritti, che si occupano del tema dello sviluppo culturale e della coesione a Roma . Collaborazioni preziose per ripensare e ridisegnare un’identità culturale e sociale aperta e condivisa: solidarietà, equità, impegno civile e sociale, protezione e promozione dei diritti umani, partecipazione e condivisione di beni comuni sono i veicoli di valore attorno ai quali promuovere un’idea di un’altra città.
    È da qui, dalla storia delle energie sane delle grandi potenzialità e del know-how che la città si muove, che vogliamo ricominciare per la riconquista dello spazio pubblico attraverso la partecipazione.

    “Fabbrica Roma vuole raccontare la vivacità civica, culturale e sociale in cui vive la nostra città ed è tempo di riconoscere e valorizzare ciò che è marchiato a fuoco nell’immaginario collettivo è un’identità svalutante, che paga prima di tutto i cittadini romani, – afferma Anna Pozzali, rappresentante organizzativa del Festival – Non vogliamo negare le evidenti difficoltà e le carenze che la città affronta ogni giorno, ma pensiamo che per un rinascimento a Roma dobbiamo prima di tutto mettere in campo la storia delle sue energie salutari, delle grandi potenzialità e del know-how che la città si muove, e da qui vogliamo ricominciare. La rinascita di Roma non può che essere un’opera comune “.