Home SPORT Kean gancio per Mancio: sì con Balo

Kean gancio per Mancio: sì con Balo

Ultimo aggiornamento 11:43

 

ItaliaFinlandia, le parole di Mancini dopo il successo: Gara difficile. Kean è forte, potrebbe giocare con Balotelli. E’ un’Italia giovane, che in un certo senso richiama, anche solo accademicamente e secondo un giochino d’immaginazione, un qualcosa di lessicalmente simile e che, dal punto di vista storico, politico e anche geografico, iniziò un percorso di rinnovamento del Bel Paese portando, nel bene e nel male, a ciò che l’Italia è oggi. Calcisticamente parlando, invece, la giovine Italia di Mancini si gode una fase segnata da una certa sensazione di rilancio generazionale: nuovi giovani calciatori dall’anagrafica e dal talento tutti ancora da scoprire e che, però, sembrano dotati delle giuste stimmate. Si parla dei vari Zaniolo e Kean ad esempio. Proprio lui è stato un importante gancio al Mancio nel successo contro la Finlandia, e al quale lo stesso mancini apre le porte per un possibile tandem futuro dall’emblematica immagine multietnica e fortemente attuale.

Kean gancio per Mancio: sì con Balo. L’Italia intanto prepara la sfida contro il Lietchenstein

Nel frattempo, però, molto più urgente e imminente è l’impegno della nazionale assurra di domani sera alle 20,45 contro il Lietchenstein. Non sembra avere le sfumature dell’impegno proibitivo ma nel calcio, specie con gli azzurri, non si sa mai. Tra Coree, Nuova Zelanda e Slovacchia, il percorso italiano, benché molto florido di titoli è trionfi, è anche costeggiato da tonfi. Quindi la parola chiave è serietà. Quella a cui tiene molto Mancini.  Il Ct azzurro dopo il successo sulla Finlandia si gode il momento e fa il punto sul match: “Non era una partita facile, l’avversario si è chiuso dall’inizio. Abbiamo fatto qualche errore ma era normale, bisogna ancora crescere. Kean ha qualità, è forte come Zaniolo. Immobile stia tranquillo, il gol arriverà”. E poi, ovviamente, la suggestione a cui si faceva riferimento: “Kean e Balotelli? Potrebbero giocare insieme”
I gol di Barella e dello stesso Kean però, nel mentre, hanno portato il 2-0 con cui l’Italia si è portata un pezzettino avanti nel suo cammino verso Euro 2020. Mancini aveva preteso serietà dalla sua Italia giovane, ma anche una giovine Italia che lo facesse senza dimenticare di essere spettacolare e vincente.
“Non era facile, perché poi la Finlandia si è chiusa da subito cambiando il proprio modo di giocare ed è stato tutto più difficile – ha detto mister Mancini – All’inizio abbiamo fatto qualche errore, ma la voglia era sempre quella di fare qualche gol e poi è andato tutto meglio. Dobbiamo lavorare ancora molto, facciamo degli errori ma è normale, ci ritrovavamo dopo cinque mesi. Bisogna allenarsi tanto e lavorare sodo, consapevoli che tutte le partite sono difficili”.
Kean è l’argomento centrale di giornata. “Kean ha qualità, è forte. Chiaramente deve crescere ancora, dipende da lui. Non è difficile puntare su giocatori come lui o Zaniolo, sono bravi e si vede. Immobile? Ciro deve stare tranquillo, l’attaccante cerca sempre il gol quando non arriva, ma poi arriverà. Non era facile, era sempre circondato. Forse doveva essere più bravo a creare degli spazi, ma ha fatto una grande partita”.