Home ATTUALITÀ Pensione di cittadinanza 2020: a quanto ammonta, a chi spetta, quando, calcolo...

Pensione di cittadinanza 2020: a quanto ammonta, a chi spetta, quando, calcolo importo

Ultimo aggiornamento 11:35

Non solo reddito di cittadinanza: come sappiamo, in Italia, il percorso normativo ha introdotto anche la cosiddetta pensione di cittadinanza che in buona sostanza accompagna, affianca e si ‘specifica’ per i soggetti in età pensionabile, stando ai requisiti di base previsti per legge, proprio al ‘reddito’ di cui sopra.

In cosa consiste, cos’è la pensione di cittadinanza e come funziona? Quanti soldi spettano e a chi spetta? Nel 2020 come viene fatto il calcolo e quali sono i requisiti?

Pensione di cittadinanza 2020: chi ne ha diritto, quanti soldi, calcolo e requisiti ISEE

La pensione di cittadinanza 2020 funziona tramite il calcolo dell’importo, la sussistenza di requisiti ISEE e l’ingresso nella tipologia di ‘utenti’. Ma, quando arriva e quanto spetta nel 2020?

Stando alle ultimissime notizie la pensione di cittadinanza è un diritto per tutti quei pensionati già titolari di un assegno inferiore a 780 euro e anche per quelli che andranno in pensione nel corso del 2020 o negli anni futuri.

Leggi anche: Pensione di cittadinanza, cos’è, a chi spetta? Soglia povertà, invalidità civile, pensioni minime e assegni sociali, quanti soldi, requisiti Isee, modulo

Nel testo della legge di Bilancio 2020 c’è stata la conferma dell’aumento delle pensioni con la pensione di cittadinanza, per i titolari di:

  1. pensione minima;
  2. assegno sociale
  3. invalidità civile;
  4. tutte le pensioni sotto di 780 euro, tra cui le pensioni di reversibilità.

aggiornamento ore 1.13

Il governo Conte bis ha fatto quindi rientrare la pensione di cittadinanza nella riforma pensioni 2020 indicata dalla Legge di Bilancio 2020.

Leggi anche: Quattordicesima mensilità: cos’è, quando si prende, quanto, a chi spetta, requisiti e come funziona

Considerato l’aumento pensioni 2020 a 780 euro con la PdC non resta che vedere come si calcola l’integrazione al reddito per i pensionati.

Pensione di cittadinanza 2020 importo e calcolo

Per comprendere come si calcoli la Pensione di cittadinanza 2020 bisogna addentrarsi nell’iter di questo sostegno economico, infatti. Partiamo da un dato: questo privilegio spetta solo ai pensionati con redditi bassi o molto b, ossia titolari di un assegno pensione sotto ai 780 euro, qualora siano in possesso degli stessi requisiti fissati dall’apposito decreto legge per il reddito di cittadinanza.

Leggi anche: Reddito di cittadinanza giugno 2020: tutte le date dal 1° al 15° pagamento, per chi, calendario, pagamenti sospesi perchè

aggiornamento ore 5,43

Per via di questo, per avere a Pensione di cittadinanza 2020 bisogna essere in possesso dei seguenti requisiti:

  1. essere titolari di una pensione;
  2. avere almeno 67 anni.
  3. La Pensione di Cittadinanza può essere concessa anche nei casi in cui il componente o i componenti del nucleo familiare di età pari o superiore a 67 anni convivano con una o più persone in condizione di disabilità grave o di non autosufficienza di età inferiore ai 67 anni.
  4. Reddito ISEE 2020: se si vive in affitto 9360 euro, se si ha una casa di proprietà 7560 euro.
  5. Valore patrimonio immobiliare: non deve superare i 30.000 euro, fatta eccezione della prima casa.
  6. Valore patrimonio mobiliare: non deve superare la soglia di 6.000 euro se si vive da soli, + 2.000 euro per ogni componente del nucleo familiare successivo al primo, fino ad un massimo di euro 10.000, aumentabile di altri 1.000 euro per ogni figlio successivo al secondo + 5.000 per ogni componente con disabilità.
  7. Valore reddito familiare: la soglia parte da una base di 6.000 euro annui per chi vive da solo, moltiplicata per uno specifico parametro della Scala di equivalenza.
  8. non aver acquisto una nuova auto negli ultimi 6 mesi, non aver immatricolato una nuova auto sopra i 1600 cv, una moto sopra i 250 cv o una nave e imbarcazione da diporto nei due anni precedenti la domanda.
  9. un assegno pensione al di sotto di 780 euro netti al mese. Questo in quanto 780 euro è la soglia ISTAT al di sotto della quale un pensionato o un cittadino, in quest’ultimo caso si parla però di reddito di cittadinanza, sono ritenuti poveri e a rischio esclusione sociale.

Leggi anche: Pin 730 precompilato 2020: cos’è come funziona e come richiederlo

aggiornamento ore 11.33